C’è chi dice no: il Guatemala si oppone ai matrimoni gay

Condividi!

Otto Perez MolinaIl presidente Otto Pérez Molina l’ha detto chiaro e tondo. Il suo paese non accetterà di istituire i matrimoni gay né di legalizzare l’aborto, un binomio che molti stentano a credere collegabile.
E questo poco prima dell’Assemblea Generale dell’OAS (Organizzazione Stati Americani), assemblea che ha in agenda la decriminalizzazione dell’aborto e la legalizzazione dei matrimoni omosessuali.

“Il rifiuto da parte del Guatemala dell’aborto e del matrimonio gay sarà chiaro” ha dichiarato Molina al quotidiano La Hora. Il Guatemala è per la vita.
Coraggioso l’abbinamento, laddove moltissimi altri si impegolano in discussioni sul capello delle definizioni spaccate in quattro. Ma non è solo una questione di “dare valore alla vita”, perché da quell’orecchio il laicismo non sente. Un paese che vuole svilupparsi e che vuole anche essere forte economicamente
deve poter contare su uno sviluppo demografico.
***
5 giugno 2013

Il Guatemala dice “no” al matrimonio gay: “Siamo per la vita”

Il presidente del Guatemala, alla vigilia dell’Assemblea dell’Organizzazione degli Stati Americani, ha annunciato che il suo paese non accetterà di istituire i matrimoni gay né di legalizzare l’aborto

Il Guatemala è contrario alle unioni gay e all’aborto. Ad annunciarlo, a poche ore dall’inizio della General Assembly of the Organization of American States è stato il presidente del paese sudamericano Otto Pérez Molina. I due temi saranno entrambi discussi durante l’assemblea generale che inizia in queste ore ad Antigua.

Molina ha precisato che il suo paese è “per la vita” e che si opporrà al trattato dall’Organizzazione, quali l’aborto e il matrimonio egualitario.
“Il rifiuto da parte del Guatemala dell’aborto e del matrimonio gay sarà chiaro” ha dichiarato Molina al quotidiano La Hora, sottolineando come il trattato non è vincolante e non prevede leggi di ratifica dai singoli stati.

Le dichiarazioni del presidente arrivano il giorno dopo le proteste dei gruppi cattolici ed evangelici, guidati rispettivamente dalla Conferenza Episcopale del Guatemala e dall’Alleanza Evangelica, che si sono fortemente opposti sia all’estensione del matrimonio alle coppie gay che all’aborto, entrambi argomenti inclusi nel trattato che l’assemblea generale si appresta a discutere.

Fonte: Gay.it

Fonte: nocristianofobia.org




Lascia un commento