Atene: africani formano bande paramilitari

Condividi!

blackpantherGruppi di africani stanno creando bande paramilitari ad Atene: già nel nome richiamano la violenza, “Black panthers” , la stessa sigla adottata dal movimento terrorista nero presente negli Usa a cavallo degli anni ’60 e ’70. Questi africani si riuniscono clandestinamente in palestre o edifici dismessi per pianificare le loro azioni violente, soprattutto contro Alba Dorata.

Lo rivela un documentario del canale britannico Channel 4. Nel quale uno dei membri dell’organizzazione terrorista – un immigrato di seconda generazione di nome Michael Tsegos – ammette la presenza di questi gruppi paramilitari in azioni contro cittadini greci, e la connivenza con associazioni cosiddette “antirazziste” come Asante, protagonista nell’approvazione dello Ius Soli greco, del governo socialista di Papandreu.

“Sono un membro delle Pantere nere, lo sanno tutti”, dice al giornalisti, E consiglia ai greci di non mettersi “contro i neri”Michael Tsegos è il tipico immigrato di seconda generazione a cui il Pd darebbe la cittadinanza. Giunto ad Atene con la sua famiglia quando aveva solo otto mesi di vita, ha frequentato le scuole greche fino alla maggiore età. Eppure oggi va a caccia di autoctoni greci.

 

 

 

 




Lascia un commento