Blackouts e molestatori, Usa “sconsigliano” viaggi in Egitto

Condividi!

Illegalità e blackouts dilagano in Egitto: dipartimento di stato  statunitense mette in guardia contro il turismo alle Piramidi

L’illegalità è diventata così endemica in Egitto che l’ambasciata degli Stati Uniti questa settimana ha messo in guardia i turisti americani dal visitare le piramidi del paese. Un accademico americano presso l’Università americana del Cairo ha ricevuto una mail dalla propria ambasciata con la quale si avvisa di “aggressività e di condotta criminale … con gruppi di individui arrabbiati che circonda e prendono a martellate i veicoli dei turisti … e, in alcuni casi, tentano di aprire le porte del veicolo ” L’avvertimento con le osservazioni del professore:

La zona intorno alle Piramidi è ormai un ambiente apertamente criminale. Il problema non è solo “la mancanza di sicurezza visibile”, ma in alcuni casi è lo stesso personale di sicurezza che truffa, o è sessualmente molesto con le turiste straniere in modo piuttosto aperto, anche con quelle accompagnate dai loro mariti. In breve, se visitate l’Egitto nel prossimo futuro, non pensate di andare alle Piramidi a meno di non essere in un grande tour organizzato in autobus. Tutto il resto è ad elevato rischio, per ora.

L’avvertimento, inviato via email agli americani che soggiornano in Egitto,  è stato pubblicato lo stesso giorno di un rapporto  che documenta centinaia di attacchi contro i giornalisti. La maggior parte degli attacchi, secondo attivisti dei diritti umani, sono in corso da parte dei sostenitori dei Fratelli Musulmani.

La sicurezza in Egitto sta precipitando tra continui black-out  che hanno acuito la rabbia contro il governo:

La crisi energetica, causata dall’endemica carenza di carburante, sta causando continui blackouts in Egitto. Centinaia di residenti di Alessandria, Kafr El Sheikh, Assuan e altre aree sono scesi in piazza in queste settimane per esprimere il loro disappunto, bloccando strade e anche le linee ferroviarie cantando slogan anti-Morsi, secondo il quotidiano indipendente Al Masry Al Youm. Altre manifestazioni sono in programma il 30 giugno, in occasione del primo anniversario della presidenza di Morsi.

 




Lascia un commento