Toh, uno del Pd con la palle

Condividi!

“Se vedo una persona venirmi addosso con un piccone per darmelo in testa e ho una pistola sono legittimato a sparare per legittima difesa”. Lo dice Felice Casson del Pd.

E noi aggiungiamo che non solo, sei legittimato,  ma che nel caso non sparassi e non alle gambe ma direttamente in fronte, saresti un totale idiota.
E diciamo di più, se qualcuno da qualche finestra avesse “abbattuto” Kabobo, avrebbe solo fatto il suo dovere. Solo chi si è bevuto il cervello – sempre che l’abbia mai avuto – può sostenere il contrario.




Un pensiero su “Toh, uno del Pd con la palle”

  1. Il fatto è che Casson è un acceso “antiarmi” Ossia in diversi progetti di legge si è sempre posto a favore di maggiori restrizioni nei confronti dei cittadini onesti ed incensurati possessori di armi. Però è stato un magistrato ossia una di quelle persone a cui lo Stato concede la facoltà di girare armati “senza licenza” ossia senza tutti i controlli tecnici e medici a cui siamo soggetti noi comuni cittadini in sede di richiesta di porto d’armi.
    E già che si parla di Legittima difesa eccone un altra:
    Forse pochi lo sanno ma Pisapia nel 2001 fu cofirmatario delle Proposta di Legge della camera dei Deputati nr. 1470 (più tardi ritirò la firma) che proponeva (Udite Udite!) di estendere a Deputati e Senatori -anche a mandato scaduto il privilegio concesso ai Magistrati dall’art. 7 della legge 36 del 21/02/1990
    Quale è questo privilegio che il nostro buon Pisapia (antiarmi ed anti difesa personale) voleva “regalare alla sua casta” ?
    Il privilegio di portare la pistola per difesa personale SENZA LICENZA.
    Difatti i magistrati (ed altri organi dello Stato) possono acquistare armi e munizioni e portarle senza alcuna licenza (cioè senza porto d’armi) e quindi senza nessuno dei controlli psicoattitudinali e tecnici a cui sono soggetti i normali cittadini. (il porto d’armi per difesa personale è a rinnovo annuale ed è concesso dai Prefetti … che lo concedono in rarissimi casi ed in genere tendono a non rinnovare quelli esistenti)
    L’esimio sindaco buonista che a suo tempo tuonò contro le modifiche dell’art. 52 Codice penale (legittima difesa) evocando una situazione da Far West (che era molto più sicuro che l’attuale via Padova a Milano) pensava che gli appartenenti alla “Casta degli Eletti” avessero il diritto di girare armati senza nemmeno un controllo attitudinale e questo vita natural durante (anche se rimbambiti e privati della patente di guida per raggiunti limiti d’età e patologie varie)
    Questo per fare un riflessione sul personaggio …. che è lo stesso che non vuole militari per le strade a tutela dei cittadini.

Lascia un commento