Sud Africa: 23 morti in riti di iniziazione

Condividi!

23 MORTI IN RITI DI INIZIAZIONE IN SUD AFRICA

JOHANNESBURG – Ventitre giovani sono morti nel Sudafrica post-apartheid negli ultimi nove giorni in cerimonie di iniziazione che includono circoncisioni e  prove di sopravvivenza.

Le cerimonie di iniziazione sono comuni in Sud Africa, dove i giovani partecipano a varie attività come un rito di passaggio all’età adulta, di solito nel corso di tre settimane. Circa 30.000 giovani hanno partecipato a questi riti per l’iniziazione di quest’anno. 

Oltre ad essere circoncisi, i ragazzi e i giovani sono sottoposti a una serie di test di sopravvivenza, che a volte comprendono l’esposizione a condizioni di freddo estremo con abiti succinti. I loro volti sono dipinti con argilla rossa e devono bere  intrugli a base di erbe. 

Nelson Mandela, il cocco dei media occidentali ed ex-terrorista, ha descritto l’esperienza nella sua autobiografia come “una sorta di preparazione spirituale per le prove di virilità.” 

Tutti i decessi si sono verificati in siti di iniziazione controlalti dal governo in cui sono normalmente presenti i medici. 




Lascia un commento