I politici parlano di gay e immigrati: imprenditore si immola tra le fiamme per la crisi

Condividi!

Un imprenditore di 47 anni, l’ennesimo, si è tolto la vita a Vado Ligure, dandosi fuoco con la benzina. Il giorno dopo le elezioni l’uomo era andato sotto casa di Grillo per incontrarlo e aveva raccontato la sua storia ai giornalisti. L’artigiano era il titolare di un laboratorio edile a Cadibona,  spinto dalla crisi economica, e dall’indifferenza della politica, ha deciso di farla finita.

La procura che ha avviato un’indagine, ma i colpevoli sono ben noti, e sono dentro il Palazzo a Roma. A parlare di gay e immigrati.




Lascia un commento