Venezuela: “panico”, è finita la carta igienica

Condividi!

Ministro accusa della carenza la ‘richiesta eccessiva causata dalla campagna mediatica generata per disturbare il paese’

Prima vennero latte, burro, caffè e farina di mais. Ora il Venezuela sta esaurendo la carta igienica.

Incolpare gli avversari politici per il deficit, come fa per altre carenze, il governo dice che importerà rotoli 50m per aumentare forniture.

Quello era poco conforto per i consumatori che lottano per trovare la carta igienica il Mercoledì.

“Questa è l’ultima goccia”, ha detto Manuel Fagundes, a “caccia” di carta igienica a Caracas. “Ho 71 anni e questa è la prima volta che vedo questo.”

Un supermercato visitato dalla Associated Press nella capitale mercoledì era privo di carta igienica. Un altro aveva appena ricevuto un lotto fresco, ed è stato rapidamente riempito con i clienti come la parola si è diffusa.

“Ho cercato questo per due settimane”, ha detto Cristina Ramos. “Mi è stato detto che ne avevano un po’  qui e ora sono in fila.”

Gli economisti dicono che la carenza del Venezuela deriva dal controllo dei prezzi messo in atto dal governo, allo scopo di rendere i prodotti di base disponibili per le parti più povere della società e dei controlli del governo sulla valuta estera.

“I prezzi controllati dallo Stato danno sempre luogo a carenze. Il problema della scarsità potrà solo peggiorare, come ha fatto nel corso degli anni in Unione Sovietica”, ha dichiarato Steve Hanke, professore di economia presso la John Hopkins University.

Il presidente Nicolás Maduro , che è stato investito dal morente Hugo Chávez per portare avanti la sua “rivoluzione bolivariana”, afferma che le forze anti-governative, tra cui il settore privato, stanno causando la carenza, nel tentativo di destabilizzare il paese. Il che potrebbe avere una parte di verità.

Il governo questa settimana ha annunciato che avrebbe importato 760.000 tonnellate di cibo, oltre ai 50m rotoli di carta igienica.

Il ministro Alejandro Fleming ha accusato che la mancanza di carta igienica deriva da un “eccesso di domanda”, costruito a seguito di “una campagna mediatica che è stato generato per distruggere il paese”.

Il ministro delle finanze Nelson Merentes ha detto che il governo sta affrontando la mancanza di valuta estera, mancanza che ha portato alla sospensione delle forniture straniere di materie prime, attrezzature e pezzi di ricambio per le società venezuelane, interrompendo la loro produzione.

“Stiamo facendo progressi … dobbiamo lavorare molto duro,” Merentes ha detto ai giornalisti mercoledì.

Molte fabbriche funzionano a metà capacità perché i controlli valutari rendono difficile per loro pagare parti e materiali importati. I dirigenti delle imprese dicono che alcune aziende sono sull’orlo di fallimento, perché non possono estendere le linee di credito con i fornitori stranieri.

Chávez ha imposto controlli valutari dieci anni fa cercando di arginare la fuga di capitali, come il suo governo espropriò grandi appezzamenti e decine di imprese all’oligarchia.

Unto da Chávez come suo successore prima che il presidente morisse di cancro, Maduro ha vinto di stretta misurea e tra le polemiche le elezioni presidenziali del 14 aprile contro il candidato dell’opposizione Henrique Capriles , che ha rifiutato di accettare il risultato, sostenendo che Maduro ha vinto con la frode e intimidazione degli elettori.

Parte della scarsità di prodotti di prima necessità potrebbe essere una strategia dell’opposizione, i cui referenti controllano le grandi imprese del settore privato, per stringere la morsa sul debole e delegittimato dal voto, successore di Chavez.

La pazienza si sta esaurendo tra i consumatori che devono affrontare la carenza e lunghe code a supermercati e farmacie. Il mese scorso, l’indice di scarsità del Venezuela ha raggiunto il suo livello più alto dal 2009, mentre il tasso di inflazione di 12 mesi è salito a quasi il 30%. Gli acquirenti spesso trascorrono diversi giorni alla ricerca di elementi di base, e fanno scorta quando li trovano.

 




Lascia un commento