Priorità Pd: i matrimoni gay e una legge contro “omofobia”

Condividi!

16 mag – ”La civilta’ di un paese si misura – secondo la deputata Pd, Barbara Pollastrini – sulla presenza o meno del matrimonio omosessuale. E che, alla vigilia della Giornata mondiale dell’omofobia – questa ce l’eravamo persa – l’adozione di una legge contro la discriminazione degli omosessuali. Che infatti girano per le città in catene e sono continuamente perseguitati da poliziotti e magistrati per la loro omosessualità.

”Il parlamento deve saper essere un passo in avanti nell’indicare traguardi di liberta’. Anche per questo – dichiara Pollastrini – il gruppo Pd alla Camera ha indicato tra le sue priorita’ in commissione giustizia la legge contro l’omofobia”. Sono norme attese da anni su cui ci siamo battuti, a partire da Paola Concia, nella precedente legislatura. Sono numerosi i richiami europei sui gravi ritardi accumulati dall’Italia”. Capito quali sono le “priorità” del Pd? Gli omosessuali, i matrimoni tra uomini. Mica le famiglie disastrate dalla disoccupazione, no, la pagliacciata dei matrimoni gay.
Perché loro sono “avanti”. E il baratro è vicino.

Infatti, ”un numero largo di deputati ha sottoscritto il progetto di legge a prima firma Scalfarotto – altro emerito sapete cosa – e mi auguro, e lavoreremo affinche’ avvenga, che uno scatto di ascolto e di fattivita’ coinvolga tutte le forze presenti per produrre finalmente una legge utile e attesa”, conclude Pollastrini.

Altre braccia rubate all’agricoltura.




Lascia un commento