Choc: criticarono Kim-il-Napolitano su blog Grillo, saranno processati

Condividi!

NAPOLI – Il Ministro della in-Giustizia, Anna Maria Cancellieri, ha concesso alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore (Salerno) l’autorizzazione a procedere nei confronti di 22 indagati per il ridicolo reato di «offesa all’onore e al prestigio del Presidente della Repubblica» – come se ne avesse uno -, attraverso la pubblicazione di commenti sul blog di Beppe Grillo, che però non risulta indagato. L’autorizzazione è una prerogativa riservata al Guardasigilli nel caso di critiche rivolte al Capo dello Stato.

Il “reato” risale al maggio del 2012, quando sul sito del comico genovese apparvero commenti ritenuti lesivi della bla bla e del bla bla del Capo dello Stato Giorgio Napolitano. Le indagini della Polizia Postale – mentre sbarcano centinaia di invasori e mentre clandestini girano indisturbati con picconi – hanno individuato 22 responsabili in numerose località italiane, tra cui uno solo in Campania, a Casal di Principe (Caserta).

«Quello della Polizia Postale è stato un lavoro lungo e certosino – dice senza tema di ridicolo il Procuratore della Repubblica di Nocera Inferiore, tal Gianfranco Izzo – in quanto ha dovuto scandagliare anche alcuni server esteri. Ora bisognerà valutare a quale Procura appartiene la competenza territoriale per il suddetto reato». Quella di Pyongyang.




Lascia un commento