Grillo ai giornalisti: “siete dei leccaculo”

Condividi!

Grillo risponde al velenoso commento di un pennivendolo del Corrierino: “Il confronto tra Letta e i Grillini era come il Bayern contro una squadra di dilettanti”.

Lo fa condividendo il commento di un seguace del blog: “Se tu caro Severgnini fossi vissuto nel passato avresti decantato il DUCE, PINOCHET, GROMIKO (sic!) e altri potenti, perché tu sei un uomo per tutte le stagioni, sei un uomo abilissimo a salire nel carro dei vincitori, sei un uomo camaleonte, abilissimo a stare in equilibrio tra PD, PD-L, DROGHIERE DELLA SERA (sic!) e lettori dei tuoi mediocri e inutili libri”.

“Ti vendi bene, e ti fai sviolinare dalla Gruber, “giornalista illuminata” che in un altro paese diverso dall’Italia, potrebbe al massimo fare la cassiera in un cinema di periferia. Quando la smetterete di leccare il culo ai vostri padroni, potrete avere la soddisfazione di riabbracciare i vostri figli senza vergognarvi”.

Due giornalisti non proprio eroici. Uno ossessionato dall’America e obamaniaco, l’altra profondamente innamorata di se stessa.
Del resto, che i giornalisti nel loro complesso siano i laudator temporis praesens, pronti ad esaltare chiunque sia al potere, è ben dimostrato dall’orgasmico consenso del prossimo governo lettino. E per passare dalla sinistra giornalistica alla cosiddetta destra, vedere giornali come ilGiornale e Libero esaltare il “governissimo” dopo avere sbraitato contro la sinistra durante le elezioni, mette in evidenza la loro intrinseca schiavitù intellettuale.




Lascia un commento