Cyber-crimine targato Pd: violate mail di parlamentari grillini

Condividi!

Ora, il Pd allo sbando si è dato al cyber-crimine. Secondo l’Espresso infatti, “le caselle di posta di decine di parlamentari italiani sono state segretamente violate e spiate per mesi da un gruppo di hacker che si autodefiniscono “del Pd” che ora improvvisamente escono allo scoperto” e “a essere colpiti sono una trentina di deputati e senatori del Movimento 5 stelle”.

L’attacco “democratico” sarebbe stato portato avanti da individui che si definiscono “hacker del Pd”.

“Abbiamo studiato ogni vostra mossa…. E siamo rimasti delusi. Un movimento che poteva portare una speranza è finito per arricchire pochi. Promuovete la trasparenza… ma non la praticate in casa. È venuto il momento della resa dei conti. Abbiamo una copia di tutte le vostre email. Se non le volete vedere pubblicate dovete soddisfare alle nostre richieste. Le nostre richieste di trasparenza: la pubblicazione immediata di redditi e patrimoni di Giuseppe Grillo e Gianroberto Casaleggio e dettaglio dei ricavi derivanti dal sito www.beppegrillo.it e correlati”. Dicono questi paladini della democrazia piddina.

E stamani mattina è stato messo online un link con le mail della casella di posta di Giulia Sarti, deputata del M5S, capolista grillina per l’Emilia-Romagna. A essere colpito è stato il suo account personale di webmail”. Il link risulta però vuoto.

Intanto il M5S si dice tranquillo:”In merito alla notizia di una violazione degli indirizzi di posta elettronica di diversi deputati del MoVimento 5 Stelle, compiuta da sedicenti hacker del Pd, e alla minaccia di pubblicare settimanalmente i contenuti delle mail violate e tenute sotto controllo da mesi, teniamo a puntualizzare che i nostri parlamentari non hanno nulla da nascondere, non ci sono scheletri negli armadi né segreti a proposito dei redditi di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio. A questi pirati elettronici consigliamo di recarsi nelle Camere di Commercio e nelle Agenzie delle Entrate competenti territorialmente per aver accesso a bilanci e dichiarazioni dei redditi”.




Lascia un commento