Tabula rasa: distrutte le conversazioni Napolitano-Mancino

Condividi!

Distrutti tutti i file delle conversazioni tra il leader eterno presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e l’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino – quello della legge liberticida – , registrate nell’ambito dell’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia. Cancellati, spariti, finiti nell’oblio. Lo ha disposto il giudice per le indagini preliminari di Palermo, Riccardo Ricciardi.

La distruzione dei file audio è avvenuta, questa mattina, nel carcere Ucciardone, dove si trova il server in cui i file erano conservati. Alle operazioni ha partecipato il tecnico della Rcs, la società che gestisce gli impianti di intercettazioni per conto della Procura di Palermo. Hanno fatto sparire le prove.

Giornata campale per Napolitano e C.




Lascia un commento