Razzismo chic: Strada contro il “nano” Brunetta

Condividi!

A dimostrazione che gli “antirazzisti” sono in realtà i più razzisti di tutti – verso la propria gente – ecco il giudizio del paladino degli “altri”, Gino Strada, su Brunetta.
In una trasmissione radiofonica il papabile per il Quirinale Strada ha detto di aver “votato una volta sola negli ultimi decenni, per il sindaco di Venezia 2010”. “Per Orsoni, perché ho semplicemente pensato che Brunetta fosse esteticamente incompatibile con Venezia. Secondo me lui non c’entra niente con Venezia”. Un pò come Strada col Quirinale e con l’Italia.

Ovviamente questo “puro disprezzo” di un’altra persona è un “razzismo ok”, perché piace alla “gente che piace”. Nessuno ingabbierà Strada – e ci mancherebbe – per la stronzata che ha detto.




Lascia un commento