Primo deputato indagato della legislatura: è del Pd – Arresti e indagati a raffica nel Pd siciliano

Condividi!

Ben 156 persone sono indagate. Tra loro la neo-deputata dl Pd Maria Tindara Gullo. Secondo l’indagine “Fake”, alcuni candidati politici alle ultime elezioni amministrative, con la complicità di vigili urbani e funzionari del Comune di Patti compiacenti, sarebbero riusciti ad indurre molte persone residenti in centri vicini, a trasferire in modo fittizio la residenza a Patti per poter votare alle comunali. Dalle indagini è inoltre emerso una frode ai danni dell’assessorato regionale all’istruzione e formazione professionale. Alcuni indagati avrebbero travisato le finalità per un loro esclusivo tornaconto personale e si sarebbero attestati corsi che poi venivano disertati o che non si sarebbero svolti per nulla.

Quindi il Parlmento ancora non è insediato, e c’è già la prima indagata del Pd. Nel gennaio del 2011, a pochi mesi dalle elezioni amministrative nelle quali era candidata al consiglio comunale, Maria Tindara Gullo, eletta in Sicilia avrebbe falsamente dichiarato di essere residente a Patti, presso un’abitazione di proprietà del padre per poter votare in modo fraudolento e per tornaconto personale. Per questo la deputata del Pd risulta ingadata nell’inchiesta “Fake”, sfociata giovedì nell’arresto di sette persone, compreso il padre della deputata, per falso ideologico. Nell’ambito della medesima inchiesta sono stati sottoposti a obbligo di divieto di dimora due consiglieri comunali di area Pd, mentre un ispettore di polizia municipale, un ex consigliere comunale e un geometra, sono stati sottoposti a obbligo di dimora. Anche Luigi Gullo, consigliere provinciale del Pd e candidato sindaco alle amministrative di Patti del 2011, cugino della parlamentare Maria Tindara Gullo e nipote del vice sindaco Francesco Gullo, risulta indagato con l’accusa di associazione a delinquere. Dalle indagini sarebbe emerso che la Gullo, insieme al marito e alla figlia, anch’essi trasferitisi fittiziamente, non si sarebbe mai mossa dalla sua residenza nel vicino comune di Montagnareale. Insomma, una normale famiglia democratica.




Lascia un commento