Picchia la moglie incinta

Vox
Condividi!
Vox

Picchia la moglie in avanzato stato di gravidanza e lei finisce all’ospedale.
I carabinieri della stazione di San Polo, dopo aver ricevuto la chiamata di un cittadino, sono intervenuti per soccorrere una donna che al nono mese di gravidanza era fuggita da casa percorrendo sofferente a piedi la provinciale 513.
Dopo le cure del caso in ospedale, la gestante è stata dimessa con una prognosi di alcuni giorni per delle contusioni al volto, prima di essere affidata ai parenti. Ai militari ha raccontato l’odissea vissuta da qualche anno, le violenze del marito-padrone: tante da non riuscire a quantificare quante volte è stata picchiata. Negli ultimi mesi, è stata costretta a rimanere chiusa in casa e veniva anche picchiata qualora si affacciasse fuori anche solo per stendere i panni.
Dopo l’ennesima violenza la ragazza, di appena 20 anni è fuggita, mentre il marito, un immigrato regolare, è andato a lavorare. Per l’uomo, un operaio 30enne, è scattata la denuncia per maltrattamenti continuati in famiglia.




2 pensieri su “Picchia la moglie incinta”

  1. Questa gente è peggio degli animali.
    mi meraviglio anche delle ragazze italiane che li sposano
    Ma è mai possibile che i parenti di questa ragazza non si siano accorti di niente?
    queste cose mi sembrano inverosimili certe volte.
    avranno avuto un telefono, questa ragazza avrà potuto comunicare con qualcuno, anche se
    chiusa in casa, i condomini moderni hanno pareti di carta velina, possibile che
    nessuno si sia accorto di niente?

    1. La cosa peggiore è che con questi islamici di me**a si impegnano seriamente e in giovane età, mentre coi connazionali fanno tutte le “moderne”.

I commenti sono chiusi.