Banda di ladri su un furgone terrorizza Libiola e Caselle

Condividi!

SERRAVALLE – Non si arrestano le incursioni di ladri d’appartamento nel Destra Secchia. Sono tornati in azione anche domenica sera, ancora lungo la provinciale Ostigliese, una delle direttrici preferite dalla malavita forse per la velocità con cui si possono raggiungere i luoghi dal colpire e poi fuggire. Stavolta ai ladri è andata male. Il fiuto dei carabinieri, o forse anche qualche soffiata arrivata dai residenti, ha portato i militari a intervenire per controllare un furgone della Mercedes, modello Vito, che era parcheggiato all’ingresso dell’abitato di Libiola, dalle parti di via Folengo.
I militari sono arrivati per il controllo attorno alla mezzanotte di domenica. Hanno accertato che il furgone in questione era stato rubato nelle ore precedenti a Volta Mantovana.
Mentre facevano questi controlli, i carabinieri hanno buttato un occhio in giro per capire a chi potesse appartenere. Ed ecco, improvviso, il colpo di scena.
Quattro persone sono a pochi metri di distanza intente a forzare il cancello lungo la recinzione posteriore di un’abitazione. Non appena vedono i carabinieri, hanno uno scatto felino e fuggono via. Impossibile recuperare il furgone, i malviventi, descritti come quattro immigrati dell’Est, devono scappare a piedi. Tre si buttano subito nelle campagne, il buio diventa valido alleato per far perdere le propri tracce.
Ma il quarto giovane, forse il più indietro nella fuga, viene agguantato. Il carabiniere lo tiene stretto. Pare fatta. Invece il ragazzo inizia a ribellarsi e inizia una colluttazione. Il malvivente mena colpi forti fino a che non riesce a divincolarsi e a scappare.
Nel frattempo in strada esce la gente, i residenti di via Folengo richiamati dalle grida e dai rumori. Si cerca di capire quali case possano essere state visitate. Tra quelle più vicine alla zona d’azione della gang c’è la casa del vicesindaco Tiberio Capucci.
A quanto emerge da una prima ricostruzione, pare che a Libiola ci siano stati solo tentativi di furti. Ma la lunga notte delle scorribande di ladri non è finita. Attorno alle due di notte viene segnalata la presenza di altri ladri, stavolta in località Caselle. Anche un bar sarebbe finito nel mirino dei saccheggiatori. Una notte carica di tensione, per tutti. Con le forze dell’ordine impegnate da ieri mattina a ricostruire il percorso dei malviventi e di risalire all’identità dei fuggitivi. Il furgone è stato invece sottoposto a sequestro.




Lascia un commento