Papponi di Stato, Marchionne: “gli Italiani paghino gli stipendi dei nostri operai”

Condividi!

La Fiat ha richiesto per lo stabilimento di Melfi (Potenza) la cassa integrazione straordinaria per la ristrutturazione aziendale dal prossimo 11 febbraio al 31 dicembre 2014. L’annuncio è stato dato dalla Fiom-Cgil, preoccupata perché “non si conoscono i dettagli dell’investimento”. Ma Marchionne interviene rassicurando: la “cassa” serve per realizzare le nuove vetture. E promette: “Non chiuderemo altri impianti in Italia”.
Comodo: quando le cose vanno bene i profitti se li prendono gli Elkan e quando le cose vanno male gli stipendi ai dipendenti li pagano i contribuenti Italiani.
Fare impresa così è molto facile, potrebbe gestirla chiunque la Fiat. Quale piccolo imprenditore non vorrebbe che, quando le cose vanno male, i suoi dipendenti fossero stipendiati dalla collettività?




Lascia un commento