Usa testarono una “bomba” capace di generare tsunami catastrofici

Condividi!

Gli Stati Uniti e la Nuova Zelanda hanno condotto test segreti di una “bomba tsunami” progettata per distruggere le città costiere utilizzando esplosioni sottomarine capaci di innescare enormi onde di marea.

I test sono stati effettuati nelle acque circostanti la Nuova Caledonia e Auckland durante la seconda guerra mondiale e hanno dimostrato che l’arma era fattibile. Una serie di 10 grandi esplosioni in mare aperto possono potenzialmente creare un’ondata di 10 metri, uno tsunami in grado di inondare una piccola città.
L’operazione top secret, nome in codice “Progetto Seal”, testò all’epoca – siamo nei giorni del progetto Manhattan e della feroce resistenza giapponese – il dispositivo come possibile alternativa alla bomba nucleare. Circa 3.700 bombe vennero esplose durante le prove, prima in Nuova Caledonia e poi a Whangaparaoa, vicino Auckland.
I piani sono venuti alla luce durante le ricerche di un ricercatore neozelandese, autore e regista, Ray Waru, che ha esaminato i file militari sepolti negli archivi nazionali.
“Presumibilmente, se la bomba atomica non aveva funzionato così come ha fatto, avremmo potuto assitere all’uso di bombe-tsunami”, ha detto Waru.
“E assolutamente stupefacente che qualcuno sia venuto con l’idea di sviluppare un’arma di distruzione di massa sulla base di uno tsunami … e anche che la Nuova Zelanda sembra aver sviluppato con successo nella misura in cui avrebbe potuto funzionare.” Il progetto è stato lanciato nel giugno 1944, dopo che un ufficiale navale degli Stati Uniti, EA Gibson, notò che le operazioni di brillamento per eliminare le barriere coralline intorno alle isole del Pacifico a volte producevano una grande onda, concependo così la possibilità di creare una “bomba tsunami”.

Waru ha detto che il test iniziale è stato positivo, ma il progetto è stato poi accantonato all’inizio del 1945, anche se le autorità della Nuova Zelanda hanno continuato a produrre relazioni sulle sperimentazioni oltre il 1950. Gli esperti conclusero che le esplosioni singole non erano abbastanza potenti e una bomba tsunami di successo richiederebbe circa 2 milioni di chilogrammi di esplosivo disposti in una linea a circa 8 km. dalla costa.

La domanda è: qualcuno ha mai più usato una tecnologia simile?

Nel suo nuovo libro Segreti e Tesori, il sig Waru rivela altri reperti insoliti provenienti dagli archivi della Difesa neozelandese: migliaia di avvistamenti UFO da parte dei membri del governo, personale militare e piloti commerciali.
Alcuni raccontano di luci in movimento nel cielo e includono disegni di dischi volanti, descrizioni di alieni che indossano maschere di tipo “faraone” e presunti esempi di scrittura extraterrestre.




Lascia un commento