Monastier, ragazzi aggrediti all’uscita dalla Casa di Caccia

Condividi!

Avevano appena lasciato la discoteca quando la loro corsa è stata bruscamente interrotta da una banda di stranieri.
Il gruppetto composto da quattro ragazze e un ragazzo di San Donà di Piave aveva passato la serata al locale “Casa di Caccia” e verso le 3, ha deciso di avviarsi verso casa, percorsi pochi metri, allo stop sono stati assaliti da sei nordafricani, uno dei quali armato di un arnese simile a un piede di porco.
Questi ha spalancato la portiera dell’auto dal lato del conducente e ha tentato di trascinarlo fuori, sferrandogli anche alcuni pugni. Ma la cintura di sicurezza, fortunatamente, ha ancorato il giovane al sedile che, a fatica, è riuscito a chiudere la portiera.
L’aggressore però non si è fermato lì e si è avventato con la spranga sul parabrezza, il lunotto e uno dei finestrini dell’auto.
Alla fine i ragazzi, terrorizzati, sono riusciti a chiamare il 112 e a mettersi in salvo.




Un pensiero su “Monastier, ragazzi aggrediti all’uscita dalla Casa di Caccia”

  1. BASTA non vogliamo vedere piu’ un negro girare perl’Italia !
    E nepppurei rumeni albanesi o cingalesi del cazzo il modello multietnico e’ FALLITO!Si torna indietro per andare avanti prima che ci caccino via dalle nostre terre questi maledetti bastardi!

Lascia un commento