Monti patetico e terrorizzato si aggrappa al Nobel

Condividi!

Il sistema di potere della grande finanza è terrorizzato: «Non bisogna dimenticare che l’Europa trova la sua forza in se stessa, né dimenticare che le tensioni ed i conflitti possono sempre risorgere. E bisogna dunque essere molto vigili contro ogni nazionalismo e populismo, che sono molto visibili anche in Europa». Lo dice Mario Monti a Cannes, rispondendo ad una domanda sul Nobel alla Ue, a margine dei lavori del World Policy Conference in corso a Cannes.
Che un nominato da un altro nominato non apprezzi il “populismo”, ovvero la democrazia, è cosa scontata. E che un eurofanatico sia terrorizzato dal “nazionalismo”, che poi significa non cedere la propria sovranità alla Ue, è anche questo scontato.

Poi Monti, come quelli che si danno un premio e poi si lodano, ha ribadito che la consegna del Nobel all’Europa «è un riconoscimento a quello che l’Europa è a quello che l’Europa ha fatto. Se riceviamo un premio Nobel evidentemente – ha concluso – l’Europa non può andare così male».




Lascia un commento