Roma, branco di immigrati tenta di violentarla mentre va a fare colazione

L’ha detto il capo della Poliza, “è tutta una questione di percezione“. E chissà cosa deve avere percepito, la giovane donna che, mentre stava andando a fare colazione, è stata aggredita a palpeggiata da tre immigrati.

E’ successo all’Esquilino, domenica mattina alle 11, in zona piazza Vittorio Emanuele II. La vittima, una romana di 31 anni, stava camminando quando all’altezza della piazza, è stata aggredita.
Le tre bestie d’importazione, dopo averla fissata insistentemente, l’hanno accerchiata, spinta e bloccata contro due cassonetti dell’Ama. Uno di loro ha tentato di baciarla più volte, mentre gli altri due le palpeggiavano seno e sedere.

Una violenza durata diversi minuti. La giovane, sotto choc, è riuscita a divincolarsi e urlando è scappata in direzione dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, in servizio per il consueto pattugliamento stradale. I tre l’hanno rincorsa per qualche metro, palpeggiata ancora, per poi fuggire.

VERIFICA LA NOTIZIA

Due, un 34enne algerino e un 46enne tunisino, sono stati arrestati dai militari e portati in carcere a Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il terzo aggressore, invece, è riuscito a fuggire. Ma presto lo raggiungeranno anche i fermati.



Lascia un commento