Agente polizia musulmano avvisava terroristi prima dei raid

E’ una di quelle notizie che dovrebbero avere massima diffusione, ma che non l’hanno per evidenti motivi: svelano il vizio di fondo della società multietnica.

Un agente di polizia della zona di Bruxelles è stato arrestato per avere passato informazioni ai terroristi islamici. Il sospetto è di ‘origine’ nordafricana.

È stato arrestato ed è stato interrogato per avere passato informazioni sulle indagini in corso ai terroristi. Lo ha fatto utilizzando WhatsApp. Il procuratore di Bruxelles e l’Ufficio affari interni della polizia hanno studiato i movimenti dell’agente afroislamico per settimane.

L’agente migrante era in grado di sapere in anticipo, tra l’altro, quando e dove la polizia avrebbe attaccato i covi dei terroristi. Non è chiaro da quando e per quanto tempo sia stato in contatto con i terroristi.

Tra gli altri, il poliziotto islamico era in contatto con Yassine Atar, fratello del terrorista che ha organizzato gli attacchi terroristici del 22 marzo all’aeroporto di Bruxelles Zaventem che ha ucciso 32 persone e ha lasciato 340 feriti:

Una fonte ci ha informati che l’uomo era in contatto con Yassine Atar, fratello di Oussama Atar, che è considerato il presunto capo dietro gli attacchi del marzo 22 a Zaventem. I fratelli sono anche i cugini dei fratelli El Bakroui, che hanno colpito a Maalbeek e Zaventem

Dopo essere stato interrogato, è stato portato presso la prigione di Sint-Gillis. Il tribunale deciderà sul proseguimento della sua carcerazione. Prima di iniziare a lavorare con la polizia, ES ha lavorato con la società di trasporto di Bruxelles STIB.

VERIFICA LA NOTIZIA

Questo spiega perché è così facile per i terroristi colpire in quei paesi dove la presenza islamica è alla terza generazione: con lo ius soli hanno infiltrato le forze dell’ordine e l’esercito. E quando il cancro arriva ai gangli vitali dello Stato, quando il nemico è dentro le mura, combatterlo diventa impossibile. Lo ius soli è follia, significa dare le chiavi di casa tua ai peggiori criminali.



Lascia un commento