“In stazione non si può fumare”, Anziano massacrato di botte da migrante



Aggredito e pestato a sangue da una immigrata. Un pensionato di 85 anni chiacchierava con un gruppetto di amici nella sala d’aspetto della stazione di Bellaria, Rimini, è stato colpito al volto con pesanti ceffoni, che gli hanno spaccato il naso.

Ma l’immigrata ha continuato a infierire sulla vittima. Solo l’intervento dei presenti e poi della polizia ha evitato il peggio.

L’aggredito risulta anche essere cardiopatico. Il motivo dell’aggressione: «La donna – raccontano alcuni dei presenti – è entrata nella sala d’attesa ferroviaria intorno alle 16,30 di giovedì, fumando una sigaretta. Al che il pensionato le ha fatto notare che in quella sala il fumo era vietato.

Ma non viviamo in una società civile. Così la donna, ubriaca come loro solito, gli si è lanciata addosso come una furia.

Dopo aver ricevuto sul volto diversi schiaffi, il pensionato è riuscito a reagire e ha allontanato la donna che ha perso l’equilibrio finendo a terra. Ora rischierà di essere processato per ‘leso migrante’.

«Quando si è rialzata era come indemoniata – raccontano i presenti – e ha ripreso a picchiare. L’anziano è sbiancato, era precario sulle gambe, tremava, ci siamo preoccupati, li ho tenuti distanti e abbiamo chiamato un’ambulanza».

«Noi ci abbiamo provato ma non riuscivamo a fermarla – aggiungono da Turismhotels, la cooperativa turistica che ha sede in stazione – e abbiamo chiamato carabinieri e vigili. Una scena raccapricciante, poveretto». «Appena il pensionato, con il viso sanguinante, cercava di rialzarsi, lei lo sbatteva a terra di nuovo, coprendolo di insulti terribili».

Una folla di residenti e turisti che aumentava di numero con il passare dei minuti, eppure nessuno osava avvicinarsi. Vergognoso.

«Ho cercato di impedire un’azione violenta contro una persona anziana – racconta uno dei presenti – che ho visto in difficoltà». Persino gli agenti della municipale hanno dovuto faticare non poco a far salire la donna sull’auto di servizio. L’hanno poi portata alla stazione dei carabinieri, denunciandola per resistenza a pubblico ufficiale. Ma non arrestandola.

Negli Usa avrebbe più buchi di un elettore del Pd.

Sul posto è giunta anche un’ambulanza che ha prestato i primi soccorsi all’aggredito. Il quale però ha rifiuto di essere portato al pronto soccorso, come volevano i sanitari.

VERIFICA LA NOTIZIA

La donna è risultata la solita senza fissa dimora, con precedenti di polizia.

Ieri quasi nessuno dei gruppo di anziani si è presentato alla stazione per la solita chiacchierata tra amici. Anche la stazione di Bellaria è, ora, al tempo dell’immigrazione, una ‘no go zone’.



Lascia un commento