Profugo contro donne che ballano: “Osceno e anti-islamico”

Un cittadino pakistano 27enne è stato espulso oggi dal territorio nazionale per motivi di sicurezza nazionale.

Lo straniero espulso beneficiava dello status della protezione sussidiaria, che viene riconosciuta dalla Commissione territoriale competente in seguito alla presentazione di domanda di protezione internazionale. Se il richiedente non può dimostrare una persecuzione personale ai sensi della Convenzione di Ginevra, che definisce chi è rifugiato, ma si ritiene che rischi di subire un ‘danno’ nel caso di rientro nel proprio paese, può ottenere la protezione sussidiaria. Esiste solo in Italia per arricchiere le coop trasformando clandestini in profughi.

Dalle analisi investigative dell’account Facebook utilizzato dal pakistano erano risultate numerose foto ed immagini inneggianti all’Isis e a vari gruppi ed esponenti del radicalismo islamico oltre a vari screenshot relativi a diverse tipologie di armi.

VERIFICA LA NOTIZIA

A conferma del suo profilo radicale è stato accertato che il profugo, in più di una circostanza, si era espresso in maniera fortemente critica nei riguardi di alcune donne che, durante una festa, avevano danzato in pubblico insieme ad altri uomini.



Lascia un commento