Violentata: 31 profughi maschi e una volontaria



Il pm di Bergamo, Davide Palmieri, ha chiesto la convalida, con l’accusa di violenza sessuale e lesioni, del profugo che ieri ha violentato una operatrice italiana di 27 anni all’interno dell’hotel per profughi ‘Terra promessa’ di Fontanella, nel Bergamasco. L’udienza di convalida del fermo si terrà probabilmente domani.

Scelgono i nomi più dementi per le strutture che accolgono questi delinquenti.

L’africano, 20 anni, della Sierra Leone, richiedente asilo, tengono a precisare i media di distrazione di massa, era stato inseguito da altri immigrati ospiti della struttura, che avevano interrotto la violenza. Probabilmente si contendevano la preda.

VERIFICA LA NOTIZIA

Intanto si stanno effettuando gli accertamenti scientifici per ricostruire l’accaduto. Solo poi la Procura di Bergamo avrebbe intenzione di verificare quali fossero le condizioni di sicurezza all’interno della comunità che ospita 31 immigrati.

Le condizioni di sicurezza: 31 giovani maschi africani e una ‘volontaria’. Dai, verificate.



Lascia un commento