Milano: Africano armato di spranga devasta auto incitato da connazionali

Solo ieri Sala aveva assicurato che Milano è una città tranquilla. Oggi ha convenuto con lui un immigrato che armato di spranga ha devastato le auto in sosta davanti la ormai famigerata stazione centrale.

A bloccarlo – mentre il migrante aveva preso anche alcuni sampietrini da terra – hanno pensato due militari dell’Esercito, poi aiutato dagli equipaggi di due Volanti della polizia.

All’arrivo delle forze dell’ordine, attorno agli agenti e ai militari si è creato il solito capannello di immigrati che ‘stazionano’ in zona.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Era come invasato, ha spaccato prima il lunotto anteriore della Land Rover, poi è salito in piedi sul cofano”, il racconto di un testimone. “Alcuni lo incitavano, altri cercavano di fermarlo”, le parole di una ragazza che ha assistito alla scena e ha attirato l’attenzione dei militari.

“Aveva in mano una mazza nera lunga un metro”, ha proseguito il testimone oculare. E con quella mazza ha distrutto molti vetri in stazione. Si trattava probabilmente di un pezzo di un’impalcatura, un bastone di ferro pesante almeno 5 chili. Non solo. Non contento di essere armato di spranga, ha ben pensato anche di raccogliere alcuni sanpietrini: “Ne aveva addosso almeno 7 o 8”, hanno raccontato all’Agi alcuni presenti.



Lascia un commento