Donna incinta presa a sputi e sassate da Nordafricani



Una giovane donna di 37 anni, incinta al nono mese, è stata insultata e aggredita da Nordafricani mentre era a casa della madre (gli aggressori abitano al piano di sotto). La sua auto è stata presa a sassate dalla feccia maghrebina.

E’ accaduto nel cortile dell’edificio, davanti alla madre della giovane e ad altri inquilini. L’intervento dei poliziotti ha scongiurato guai peggiori per la giovane e il suo bambino.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tutto sarebbe nato da un rimprovero che lei ha rivolto ad alcuni ragazzini nordafricani che sputavano al suo passaggio. E’ bastato questo a scatenare la furia nordafricane del padre, che è scendo ed ha aggredido la donna, che è anche stata presa a sassate dal gruppo. Gli islamici hanno un debole nel tirare sassate contro le donne. Da qui la chiamata alla Polizia, l’arrivo delle volanti, l’identificazione di tutti i presenti e la denuncia.

Figli molesti e padre in casa. Rimini 2. L’Italia va liberata dalla racaille.



Lascia un commento