Presa a calci e pugni da questi profughi che poi fuggono in hotel – FOTO

Tentano di rapinare per pochi euro una donna. Protagonisti due profughi nigeriani in fuga dalla guerra in Siria e ospiti di due hotel per profughi dell’Alto-Casertano.

I due, Emmanuel Ogbonna, 31 anni, ospite del Cta «La Villetta» di Vairano e il connazionale Amos Idor di 22 anni, domiciliato presso il Cta della frazione Carbonara di Teano, sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere emessa su richiesta della Procura che ha coordinato le indagini.

Tutto accade in pieno giorno, il 20 giugno scorso, in via Napoli; i due nigeriani incrociano la donna che sta passeggiando; le si avvicinano e l’aggrediscono con violenza colpendola con calci e pugni, le sottraggono la borsa in cui c’erano il cellulare, effetti personali e pochi soldi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il colpo però non riesce per l’intervento di alcuni cittadini presenti che poi chiamano i carabinieri; i due nigeriani lasciano la borsa e fuggono in un immobile adibito a Centro Temporaneo di accoglienza, dove cercano di confondersi con altri fancazzisti, tanto sono tutti uguali.

I militari, giunti poco dopo, trovano quasi tutto il bottino a terra; raccolgono poi la denuncia della vittima che riconosce i due aggressori. Ma per arrestarli ci sono voluti mesi. Passati in hotel.



Lascia un commento