L’invasione riprende: 15 barconi verso Italia, 1.800 clandestini

Scafisti umanitari e di Stato scatenati: 15 interventi in poche ore, cui si devono aggiungere alcuni del giorno precedente e altri di ieri, oltre 1800 clandestini raccattati nel fine settimana, con l’aiuto delle navi militari e di quelle delle Ong rimaste davanti alla Libia a caccia e il coordinamento della Guardia costiera italiana.

A questi, si devono aggiungere i clandestini degli «sbarchi fantasma» sulle coste dell’Agrigentino, Lampedusa e Sardegna, alcune centinaia solo negli ultimi giorni.

I primi 371 sono sbarcati ieri a Trapani dalla «Aquarius», la nave di Sos Méditerranée su cui opera anche il team sanitario dei famigerati Medici senza Frontiere.

VERIFICA LA NOTIZIA
Altri 589, a bordo della «Vos Hestia» di Save the Children, sbarcheranno stamattina a Catania: «Sono stati recuperati tra 30 e 50 miglia dalla Libia – spiega la portavoce di StC, Giovanna Di Benedetto -. Questa è la zona dove noi e le altre Ong stiamo operando adesso in sicurezza, dopo che è stata istituita la Sar libica che riteniamo pericolosa».

Una menzogna:

ONG CARICA CLANDESTINI IN PORTO LIBICO E LI PORTA IN ITALIA

Non solo,la nave militare irlandese «Yeats», parte dell’operazione Pontus, ha preso a bordo altri 552 clandestini e tre cadaveri, e arriverà oggi ad Augusta. Nave irlandese carica clandestini in Libia e li traghetta in Italia.

Altri 120 clandestini sono su una nave della Marina che dovrebbe attraccare a Messina o a Pozzallo.

Ieri mattina la nave «Open Arms» della omonima Ong spagnola ha raccattato in Libia 120 afroislamici poi trasferiti su una nave militare: «Dopo che dalla zona a est di Tripoli, Sabratha, Zawiya, le milizie impediscono le partenze – spiega Riccardo Gatti, capo missione di Proactiva Open Arms – le navi delle Ong si sono spostate a ovest e lì stiamo facendo i salvataggi. Ma ultimamente ci sono molte navi militari, italiane e di EunavforMed, che navigano in quell’area e da ovest le chiamate di soccorso sono molto diminuite».

Il governo italiano non ha alcuna intenzione di interrompere il flusso. Solo di ‘regolarlo’ in modo da rendere l’invasione ‘ordinata’.



Lascia un commento