Malaria: altri 3 immigrati infetti a Venezia



Un altro caso di malaria riscontrato a San Donà: diventano così tre nel complesso, compresi i due rilevati nei giorni scorsi tra San Donà e Portogruaro.

Mercoledì i primi due casi di contagio. Uno ha interessato una persona originaria del Burkina Faso di 15 anni, al pronto soccorso di Portogruaro, il secondo un nigeriano di 33 anni, in quello di San Donà. Entrambi erano stati in Burkina Faso, area in cui la malaria è endemica. Persone che vivono qui da tempo, lavorano o studiano, sono integrate. E ormai non hanno più le difese come chi vive in quei Paesi. Figuriamoci quante ne abbiamo noi, di difese immunitarie.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’ultimo caso in ordine di tempo, venerdì mattina, è giunto al pronto soccorso di San Donà. È un 49enne della Costa d’Avorio, tornato da un viaggio nel Paese d’origine. Già al rientro aveva sviluppato la sintomatologia tipica. I tre sono già stati trasferiti nei reparti attrezzati per la gestione delle malattie infettive in altre aziende sanitarie del Veneto.

Continuiamo a permettere ai migranti un frenetico andirivieni da casa loro. Dove certe epidemie sono endemiche. Senza controlli. Poi arriva una zanzara, e Sofia muore.



Lascia un commento