Trump blocca ingressi da paesi che rifiutano di riprendersi clandestini



Quando si chiede ai vari governi europei – il nostro in particolare – di espellere i clandestini e i finti profughi invece di fare finta, questi ci rispondono che i loro paesi di provenienza non se li riprendono o se li riprendono in numeri così limitati che diventa impossibile una espulsione di massa in tempi brevi.

La soluzione sarebbe semplice: se non ti riprendi i tuoi clandestini, noi non concediamo più visti di ingresso regolari ai tuoi cittadini. E li togliamo a chi già li ha. Questa soluzione viene definita ‘impraticabile’ dai governi europei, nostro compreso.

Ora, però, giunge notizia che l’amministrazione Trump l’ha appena messa in pratica.

Il Dipartimento di Stato statunitense, infatti, ha annunciato che da oggi smetterà di concedere visti ai cittadini di Cambogia, Eritrea, Guinea e Sierra Leone perché queste nazioni si rifiutano di riprendersi i loro cittadini che gli Stati Uniti vogliono espellere.

Cable 1: Guidance on the suspension of certain visas in Guinea
Cable 2: Guidance on the suspension of certain visas in Cambodia
Cable 3: Guidance on the suspension of certain visas in Sierra Leone
Cable 4: Guidance on the suspension of certain visas in Eritrea

Siamo noi nazioni occidentali ad avere il coltello dalla parte del manico. Trump è il primo ad avere il coraggio di usarlo.



Lascia un commento