Roma fuori controllo, Migrante violenta turista al Campidoglio



Un città e un Paese ormai alla deriva. Un’altra violenza sessuale a Roma. Questa volta addirittura ai piedi del Campidoglio, sede del Comune di Roma, dove una turista belga di 23 anni è stata salvata soltanto dall’intervento di tre vigili urbani in servizio nella piazza principale. Se fosse stata in periferia, parleremmo di un altro stupro.

La studentessa straniera si trovava in un locale del centro, un pub irlandese a via del Plebiscito, dove avrebbe conosciuto un altro straniero, uno straniero di 26 anni che lavora all’aeroporto di Fiumicino. Dopo aver lasciato il locale i due hanno raggiunto piazza dell’Aracoeli. Ma quando hanno iniziato a salire la scalinata l’immigrato ha iniziato a molestarla, cercando di baciarla e tentando di violentarla.

VERIFICA LA NOTIZIA

Solo le urla disperate della giovane hanno attirato l’attenzione degli agenti del comando che erano in servizio lì in quel momento.

A soli due giorni dallo stupro della ragazza finlandese vicino a Termini, e a quattro da quello di un’altra giovane violentata in un parco, la violenza migrante scuote ancora Roma. E apre uno squarcio sul degrado multietnico della capitale. Due terribili storie avvenute non in periferia, in luoghi isolati, ma in pieno centro. Addirittura in una delle aree più famose di Roma. Davanti al Comune. La prossima volta dove, Boldrini, a Montecitorio?



Lascia un commento