Roma, Migrante violenta turista finlandese alla Stazione Termini



Un immigrato bengalese di 22 anni, dei tanti che infestano Roma con i loro ripostigli trasformati in negozi grazie a Bersani, è stato arrestato per aver violentato una giovane finlandese, dopo averla aggredita e rapinata, nella zona della stazione Termini di Roma.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il bengalese ha agito nella notte tra venerdì e sabato, ma la notizia è stata tenuta riservata per non disturbare i naviganti. La giovane era reduce da una serata con le amiche. Poco distanti dal locale, il 22enne l’ha aggredita e stuprata.

La 20enne finlandese era arrivata in Italia da qualche giorno per ragioni di lavoro. Venerdì notte, al termine di una serata in compagnia di alcune amiche, ha cercato un taxi per rientrare a casa. È stato in quel frangente che il bengalese le si è avvicinato offrendosi, inizialmente “con modi molto gentili”, di accompagnarla con la propria macchina parcheggiata, a suo dire, in una via limitrofa. La giovane, fidandosi dei modi garbati dell’immigrato, ha acconsentito, provando a tranquillizzare l’amica titubante che a quel punto è andata via per conto proprio.

Percorso un centinaio di metri dal locale, lo sconosciuto ha subito tentato un approccio sessuale con la donna. Nonostante questa avesse tentato di gridare e di opporsi, il giovane non ha desistito neppure quando una donna, dall’interno della propria casa, ha sentito le grida della ragazza e, affacciatasi alla finestra, ha urlato a sua volta dando così l’allarme. L’uomo, a quel punto, ha minacciato di morte la finlandese e, dopo averla pestata con una grossa pietra, l’ha costretta a seguirlo in una zona buia e appartata, dove l’ha stuprata con violenza.



Lascia un commento