Sesto, Fatwa contro il sindaco anti-Moschea: minacce di morte



Una fatwa islamica sotto forma di una lettera di minacce contro il sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano.

«Non posso rivelare le frasi esatte contenute per non intralciare le indagini» – ha spiegato il primo cittadino – ma «le minacce possono essere sicuramente definite forti».

Il sindaco di Sesto ieri ha reso noto l’accaduto parlando di «messaggi molto minacciosi e offensivi nei miei confronti». Si è detto «dispiaciuto ma non preoccupato» e ha garantito: «Non mi farò certo intimidire da atti vili come questi». Ora, in base ai risultati delle analisi (comprese le impronte digitali) potrebbe essere messo sotto scorta: «Allo stato attuale – ha precisato – è stato disposto un presidio con due agenti fuori dal mio ufficio».

VERIFICA LA NOTIZIA

«Ritengo palese il fatto che dietro ci siano alcuni provvedimenti che ho assunto dal momento in cui sono stato eletto».

Si è rifiutato di pagare le spese funebri per il killer islamico di Berlino Anis Amri, ha bloccato il progetto della grande moschea e, soprattutto, ha negato il Palazzetto dello sport cittadino alla Festa islamica dello Sgozzamento subendo attacchi e minacce dal partito degli islamici, il Pd.



Lascia un commento