Veneto invaso da un esercito di 40mila maschi afroislamici



“I dati del ministero dell’Interno dicono chiaramente che al 1° di settembre 2017 in Veneto sono arrivati, dall’inizio della crisi sui sedicenti profughi, poco meno di 40.000 soggetti. Nelle strutture di accoglienza tempranea sparse per il Veneto sono ospitati 13.900 millantatori, mentre tra i richiedenti asilo solo il 20/25% ha ottenuto lo status di rifugiato ma se consideriamo che tra costoro la gran parte ha in tasca il permesso di soggiorno umanitario (esiste solo in Italia e viene concesso spesso ad occhi chiusi), significa che quasi tutti sono a tutti gli effetti dei falsi profughi come andiamo a denunciare dall’inizio della crisi. Di rimpatri nemmeno a parlarne, costano troppo e i Paesi dai quali dichiarano di provenire gli immigrati non li vogliono indietro. Nel frattempo molti di questi soggetti stanno riempendo i tribunali e le patrie galere facendo lievitare i costi per i contribuenti italiani. Insomma, siamo cornuti e mazziati. Questi quindi i freddi numeri del Governo, non del nostro comitato, ma numeri che confermano quanto denunciamo dall’inizio della crisi. Ogni ulteriore commento è superfluo” – è quanto afferma Alex Cioni, portavoce del comitato vicentino PrimaNoi che si oppone all’accoglienza dei migranti.

VERIFICA LA NOTIZIA



Lascia un commento