Strage islamica di agnellini a Brescia: trovati sgozzati vivi



Pecore sgozzate e macellate all’islamica

Nove ovini sgozzati vivi all’islamica e gettati in una cella frigorifera, i resti di altri animali gettati, senza alcun rispetto per le norme igienico sanitarie, all’interno della letamaia. Questa la situazione che si è presentata agli occhi dei carabinieri forestali del gruppo di Brescia intervenuti per un sopralluogo in una cascina della Bassa, a Calvisano.

Attirati sul posto da un continuo andirivieni di mezzi, i militari hanno scoperto che la cascina è stata trasformata in un macello a cielo aperto in occasione della festa musulmana dello sgozzamento “Aid Al-Kabir”. Per l’occasione i fedeli musulmani devono sacrificare, appunto, un animale (esclusivamente ovino, caprino, bovino o camelide), recidendogli la giugulare e lasciando defluire lentamente il sangue fino alla morte tra atroci sofferenze.

VERIFICA LA NOTIZIA

All’interno della cascina c’erano complessivamente 200 ovini, pecore e montoni, allevati in un ambiente fatiscente, in condizioni di sofferenza. Qui dopo l’acquisto e il pagamento, il pastore musulmano macellava i capi. Nella letamaia i carabinieri hanno trovato ossa, zampe, e denti di altri capi macellati: per far sparire le tracce il letame veniva periodicamente incendiato determinando tra l’altro gli estremi per la contestazione del reato di combustione illecita di rifiuti, reato che prevede una condanna da tre a sei anni di carcere. Per il reato di macellazione clandestina le pene previste sono l’arresto da sei mesi ad un anno o l’ammenda fino a 150mila euro.



Lascia un commento