VERONA: AUTO COOP PROFUGHI CONTRO LA FOLLA CHE PROTESTA – VIDEO



Ha riportato un occhio tumefatto e una contusione ad una gamba la donna di Pescantina, Verona, investita ieri sera da un’auto della coop utilizzata per scorrazzare i profughi, durante la manifestazione di protesta contro il business dell’accoglienza.

La donna, sulla settantina, è stata investita dall’auto con a bordo due membri della famigerata cooperativa di Brescia che gestisce i richiedenti asilo di Villa Vezze, che si è lanciata contro la folla in presidio. Senza curarsi della possibilità di investire qualcuno, come puntualmente accaduto.

L’auto si è scagliata a tutta velocità contro la contestazione dei residenti. Dopo il trasporto in ambulanza al pronto soccorso e i controlli del caso, la donna è rientrata a casa in nottata e in giornata ha sporto denuncia ai Carabinieri.

Le tensioni sono cominciate dopo l’arrivo di 24 richiedenti asilo nella storica villa in stile liberty sita nel centro di Pescantina:

Profughi in lussuosa villa liberty in centro

In serata, al momento dell’investimento, erano presenti sotto Villa Vezze almeno un centinaio di persone che hanno duramente contestato con grida e striscioni la cooperativa che gestisce l’accoglienza dei coloni africani in fuga dalla guerra in Siria.

Altri momenti di tensione questa mattina, quando il sindaco di Pescantina, Cadura, si è presentato insieme a due assessori con una torta di benvenuto per i richiedenti asilo, scatenando la reazione dei residenti riuniti in protesta.

Un fatto gravissimo, del quale, ovviamente, i media di distrazione di massa non hanno parlato. Provate solo ad immaginare cosa sarebbe accaduto a parti invertite: avrebbero fatto dirette no stop e Boldrini si sarebbe fatta trasportare in elicottero al capezzale del fancazzista di turno. Minniti avrebbe subito inviato un poliziotto sensibile a fare tante carezze al migrante contuso.

E’ la dimostrazione del senso di impunità del quale godono Coop e fancazzisti. Fanculo lo Stato e i media servi.



Lascia un commento