Piacenza, rivolta contro finti profughi: Sindaco PD e Carabinieri si schierano con africani



Balloni di fieno per ‘murare’ gli ingressi della scuola trasformata in centro per finti profughi e sedicenti minorenni. Succede a Breno, Piacenza.

Protesta contro l’arrivo di una quindicina di fancazzisti vicino a Borgonovo, nella frazione di Breno. Qui, oltre ad essere comparsa una scritta di resistenza, i cittadini hanno bloccato con alcune balle di fieno accatastate una sull’altra gli ingressi della scuola, in gestione alla famigerata cooperativa Ippogrifo, nella quale è previsto l’arrivo dei presunti minorenni provenienti da Senegal, Sierra Leone, Ghana, Nigeria, Bangladesh, Gambia, Guinea. In pratica stiamo manntenendo i figli degli altri: cuckold.

Già durante la giornata del 23 agosto i residenti si erano riuniti davanti alla struttura per protestare, poi nella notte è comparsa la scritta e qualcuno ha ‘murato’ gli ingressi con i balloni di fieno.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Borgonovo e il sindaco che – traditori – hanno provveduto a far liberare gli accessi bloccati, permettendo l’ingresso nella struttura (rimessa a nuovo e ristrutturata) dei quindici coloni con l’agente viaggi, il funzionario della prefettura di Piacenza e otto servitori.



Lascia un commento