Barcellona, terrorista confessa: “Esplosivo per Sagrada Familia era quasi pronto”



VERIFICA LA NOTIZIA
I terroristi islamici della cellula di Ripoll aspettavano che l’esplosivo artigianale Tatp “asciugasse” nel covo di Alcanar per procedere all’attacco della Sagrada Familia. Lo ha rivelato negli interrogatori Mohamed Houli Chemlal, arrestato dopo l’esplosione nel covo dove gli jihadisti organizzavano l’operazione. Houli, che sta collaborando con gli inquirenti, ha spiegato che gli esplosivi sarebbero stati pronti una volta “asciugati”.

Volevano migliaia di morti, visto il numero di visitatori che ogni giorno entra in quella chiesa.



Lascia un commento