Parigi come Gaza, in banlieu islamica deposito di armi: bazooka e lanciamissili



“E’ ora che l’Europa si svegli e riconosca il problema dello scontro di civilta’ causato dal fatto che enclavi musulmane agiscono da basi di supporto per i terroristi”.

Mariusz Blaszczak, ministro dell’interno polacco, in una intervista rilasciata alla tv di stato TVP Info, ha dichiarato che in Polonia non esiste rischio di attentati terroristici perche’ non esistono enclavi musulmane che creano aree di supporto per i terroristi. E questo si deve alla politica di rifiuto di accogliere migranti islamici che arrivano a orde in Italia e fino al 2015 in Grecia e poi lungo in Balcani fino al cuore dell’Europa.

Idee confermate dalla notizia del ritrovamento, a Parigi, nella banlieu di Sein-Saint-Denis, di armi pesanti. Bazooka e lanciamissili. Il ritrovamento il giorno dopo che gruppi di ‘giovani’ avevano teso un’imboscata ad una pattuglia di agenti derubandola delle armi. Come Gaza. Solo che non siamo in medio oriente, ma nel cuore dell’Europa.

‘No Go Zone’, arriva la APP che segnala i quartieri di Parigi proibiti ai cristiani

VERIFICA LA NOTIZIA

Il ministro dell’interno polacco, membro del Law and Justice Party, ha invitato l’Europa a riconoscere che esiste un problema di scontro tra civilta’ e un modo per evitare tali problemi e’ quello di chiudere le frontiere ai migranti proprio come fa la Polonia e non solo la Polonia, ormai tutta Europa. dalla Francia alla Spagna, dalla Germania all’Olanda, per non dire della Gran Bretagna, dell’Ungheria, della Repubblica Ceca e della Slovacchia.



Lascia un commento