Profughi trasformano centro profughi in discoteca: “So’ ragazzi”



Barriere fonoassorbenti tra la caserma Serena e i residenti delle abitazioni vicine. È la soluzione che il sindaco di Casier, Miriam Giuriati, ha proposto a Gianlorenzo Marinese, legale rappresentante della Nova Facility che gestisce l’accoglienza dei profughi nella caserma, dopo le proteste arrivate da diversi cittadini per schiamazzi notturni, musica ad alto volume, risse e disordini sempre più frequenti. E Marinese ha detto sì.

Che si trovi presto un modo per rendere meno difficile la vita dei residenti lo auspica Giuliana Zanusso, una donna che vive accanto alla struttura: «Non dormiamo più, negli ultimi mesi la situazione è inaccettabile». Il figlio ha ripreso con lo smartphone una “normale” mattinata alla caserma, con musica sparata ad alto volume dagli ospiti del centro. «La convivenza è peggiorata» continua la signora Zanusso, «abbiamo contattato sindaco e forze dell’ordine, ma non è cambiato nulla. Sentiamo musica, urla, schiamazzi a qualsiasi ora del giorno e della notte. Cenano, poi ballano, poi fino alle cinque del mattino giocano a calcio nel piazzale. Ne arrivano sempre di nuovi, soprattutto donne incinte e bambini, a volte litigano e siamo costretti a chiamare i carabinieri».

Quella della signora Zanusso non è l’unica lamentela arrivata al sindaco Giuriati, che infatti ha contattato i responsabili della struttura. «Innanzitutto ci scusiamo con i residenti per i disagi», risponde Marinese, «quest’estate abbiamo avuto anche il Ramadan, gli ospiti cenavano alle dieci di sera. Sono ragazzi e dalle otto di sera alle otto di mattina non possono uscire, è normale che pratichino attività anche rumorose, il piazzale della caserma è l’unico loro sfogo. Abbiamo 15 operatori a vario titolo, compresi medici e infermieri, a presidio della struttura».

VERIFICA LA NOTIZIA

La convivenza diventa però sempre più complicata: «Per questo intendiamo attuare il suggerimento del sindaco sui pannelli fonoassorbenti. La prossima settimana valuteremo la fattibilità del progetto assieme ai nostri tecnici, capiamo le necessità degli altri cittadini».



Lascia un commento