Guerriglia a Como: Profughi assaltano agenti a sassate e armati di bastoni



Guerriglia di fronte all’ufficio postale di Como: bottiglie e sampietrini usati come armi. Le volanti arrestano tre giovani richiedenti asilo alloggiati a Sagnino e un marocchino residente a Cantù. E’ l’integrazione.

Lanciavano quadrelli di porfido e bottiglie all’indirizzo della polizia, brandivano i piedistallo in granito degli ombrelloni dei bar neanche fossero bastoni, uno di loro ha addirittura sollevato dal suo alloggiamento un tombino in ghisa, mandandolo in frantumi e utilizzandone i pezzi come tirapugni. Sono i profughi africani in fuga dalla guerra in Siria.

VERIFICA LA NOTIZIA

È accaduto attorno alla mezzanotte di sabato di fronte all’ufficio postale di Como, città accogliente, dove la polizia era intervenuta in forze per sedare una rissa che vedeva coinvolte una quindicina di profughi e migranti, ivi comprese un paio di giovani donne.



Lascia un commento