Bergoglio difende il business: “Migranti sono ricchezza”



“Serve un impegno sempre più generoso nel favorire la cultura dell’accoglienza e della solidarietà”, “la presenza di tanti fratelli e sorelle migranti un’opportunità di crescita umana, incontro e dialogo, come anche un’occasione per annunciare e testimoniare il Vangelo della carità”.

Profugo la trascina in un cespuglio e la violenta

Bergoglio ha ragione, i migranti sono una ricchezza. Per lui e la sua multinazionale. A documentarlo sono i dati dell’ultimo rapporto della Caritas sulla “Protezione internazionale in Italia“: a giugno 2016, il 17% degli stranieri accolti nel Belpaese erano presi in carico dalla Cei. Mica male. Anche perché di questi 23.201 immigrati che risultano nelle strutture religiose, solo 4.929 mangiano grazie a fondi ecclesiastici o donazioni. I restanti 18.272 (il 79%) la Chiesa li accoglie sì, ma usando i soldi dello Stato.

Prete trafficanti ammette: “Mio numero ai detenuti africani” – Video

Difficile fornire una somma precisa. Galantino ad aprile li quantificava in 150 milioni di euro all’anno. A far man bassa di appalti sono le diocesi e la Caritas. L’ente della Cei compare come aggiudicatario in almeno 26 diverse prefetture attraverso le sue diramazioni locali o le fondazioni direttamente controllate. Sondrio, Latina, Pavia, Terni e via dicendo per un importo ben oltre i 30 milioni di euro l’anno. I dati risalgono a tutto il 2016: tra le più ricche la Caritas di Udine, con i suoi 2,7 milioni di euro. Poi la Mondo Nuovo Caritas di La Spezia (1,7 milioni) e infine quella di Firenze (664mila euro). Un capitolo a parte lo merita Cremona, città che ha dato i natali a Monsignor Gian Carlo Perego, direttore Generale di Migrantes (l’ufficio per le migrazioni della Cei). Qui la Chiesa ha fatto bottino pieno: oltre 3 milioni di euro alla diocesi cittadina e 1,6 milioni assegnati alla gemella di Crema. L’attuale vescovo di Ferrara, soprannominato “il prelato dei profughi”, quando guidava la Caritas cremonese lasciò in eredità la cooperativa “Servizi per l’accoglienza” degli immigrati. Coop che ovviamente non si è fatta sfuggire 1,2 milioni di euro di finanziamento nel circuito Cas e altri 2,4 milioniper la rete Sprar 2014/2016 da spartire con altre due associazioni.

VERIFICA LA NOTIZIA



Lascia un commento