STUPRI ETNICI: BIMBA DI 13 ANNI VIOLENTATA DA ISLAMICI SOTTO BANDIERA CURDA



17 uomini islamici di varie nazionalità hanno stuprato un centinaio di ragazzine inglesi e rifornito 278 vittime bianche a 468 loro correligionari. In questi atroci numeri che sembrano ‘finti’, tanto sono incredibili, si può sintetizzare il nuovo scandalo degli stupri etnici in Inghilterra, scoperto a Newcastle, del quale abbiamo dato notizia ieri: i soli in Italia.

Ma incredibili solo per chi non legge Vox e quindi non è al corrente dell’ampiezza del fenomeno in Gran Bretagna:

Stupri etnici: 300 immigrati islamici hanno stuprato 1.400 bambine inglesi

Oggi i media inglesi hanno diffusola testimonianza di alcune delle 278 vittime. Una bambina di nemmeno 13 anni e altre minorenni che gli immigrati islamici con cittadinanza inglese ‘pescavano’ (termine loro) di notte per strada. Andavano a caccia di ragazzine sbandate, ‘fragili’, le figlie del progresso britannico: famiglie disastrate e monoparentali. Le stupravano per strada.

I racconti sono agghiaccianti. Parlano di una islamizzazione del territorio attraverso lo stupro etnico. Tipico delle truppe di occupazione, quali sono gli immigrati musulmani in Europa.

VERIFICA LA NOTIZIA

Una delle bambine è stata drogata e poi stuprata ripetutamente da un gruppo di islamici curdi sotto la bandiera curda: cosa devono fare, perché si comprenda che lo stupro è, per loro, una forma di occupazione del territorio?

Quanti altri stupri etnici, prima che le popolazione europee si sveglino?


Lascia un commento