Mattarella e Boldrini infangano morti italiani: “Erano come i clandestini di oggi”

In ricordo dei connazionali deceduti nella tragedia, il presidente abusivo della Repubblica ha fatto uno spericolato paragone con i fancazzisti ospitati negli hotel italiani: “Generazioni di italiani hanno vissuto la gravosa esperienza dell’emigrazione, hanno sofferto per la separazione dalle famiglie d’origine e affrontato condizioni di lavoro non facili, alla ricerca di una piena integrazione nella società di accoglienza – ha detto in un passaggio – È un motivo di riflessione verso coloro che oggi cercano anche in Italia opportunità che noi trovammo in altri Paesi e che sollecita attenzione e strategie coerenti da parte dell’Unione Europea”.

VERIFICA LA NOTIZIA
Non poteva mancare la dichiarazione di Angelina Alfano che paragona quei lavoratori italiani di 61 anni fa a quelli che oggi sbarcano sulle nostre coste clandestinamente: “La tragedia di Marcinelle ci dà ancora oggi la forza di lavorare per un’Europa più coesa e solidale, come l’avevano immaginata i padri fondatori – scrive Alfano in un passaggio – Un’Europa che trae origine e sostanza dal genuino spirito di fratellanza fra i suoi popoli. Un’Europa che sappia fornire una risposta condivisa, unitaria e partecipe alle grandi emergenze dei nostri giorni. Mi riferisco in particolare al flusso continuo di migranti disperati che oggi, come allora, cadono troppo spesso vittime”.

Della stessa solfa il messaggio su Twitter di Laura Boldrini: “Anniversario tragedia Marcinelle ci ricorda quando i migranti eravamo noi. Oggi più che mai è nostro dovere non dimenticare”.

Furiosa reazione di Grimoldi, deputato della Lega e segretario della Lega Lombarda: “È vergognoso – ha dichiarato – che il presidente Mattarella nel ricordare la strage di Marcinelle paragoni gli italiani che andavano a sgobbare in Belgio o in altri Stati, dove lavoravano a testa bassa, dormendo in baracche e tuguri, senza creare problemi, agli immigrati richiedenti asilo che noi ospitiamo in alberghi, con cellulari, connessione internet, per farli bighellonare tutto il giorno e avere poi problemi di ordine pubblico, disordini, rivolte come quella avvenuta oggi nel napoletano dove otto immigrati minorenni hanno preso in ostaggio il responsabile della struttura che li ospita. Paragonando questi richiedenti asilo nullafacenti agli italiani morti a Marcinelle il presidente Mattarella infanga la memoria dei nostri connazionali. Si vergogni”.

FACCIAMO PARLARE LE IMMAGINI:

COMPARAZIONI

PROFUGHI



Lascia un commento