Ong trasportano prostitute nigeriane comprate per 3mila euro



E’ stata “comprata” in Nigeria al costo di tremila euro, poi con tanti altri “schiavi” ha attraversato il Mediterraneo su un barcone prima di giungere in Italia, a Castel Volturno, nel Casertano, dove è finita lungo la statale Domiziana come prostituta.

VERIFICA LA NOTIZIA
E’ la storia di un ragazza nigeriana di 32 anni ricostruita, nel suo lungo percorso tra due continenti, dalla DDA di Napoli e dai carabinieri della Compagnia di Mondragone che hanno fermato i suoi “aguzzini”, un uomo e una donna nigeriani, entrambi 32enni; i due, che convivono in un’abitazione di Castel Volturno, rispondono dei reati di tratta di esseri umani e riduzione in schiavitù con la finalità dello sfruttamento della prostituzione.

In pratica le navi delle Ong sono le moderne navi negriere, solo che trasportano schiavi volontari: spacciatori e prostitute, che sono almeno l’80 per cento delle donne presenti sui barconi. Con quel che ne consegue per la possibilità di epidemie.

EPIDEMIA DI AIDS TRA I PROFUGHI, ALMENO 1 SU 4 E’ INFETTO

Visto che provengono da un paese con l’incidenza del 25% di infetti di AIDS sulla popolazione generale.



Lascia un commento