Vicenza: Profughi in fuga notturna per andare a fare bagordi – VIDEO

Ieri sera attorno alle 22.30 una sentinella del comitato attiva a Pedemonte ci ha avvertito della fuga di una decina di migranti ospiti nel Cas (centro di accoglienza straordinaria) di Casotto a Pedemonte. Nel video si intravede una parte del gruppetto che è stato visto uscire dalla struttura di Casotto per dirigersi verso la vicina strada provinciale in direzione Arsiero.

Pedemonte. La fuga di alcuni immigrati dal cas di Casotto

+++ CASOTTO DI PEDEMONTE. AVVISTATI IN PIENA NOTTE UN GRUPPO DI "PROFUGHI" IN FUGA – Ieri sera attorno alle 22.30 una sentinella del comitato attiva a Pedemonte ci ha avvertito della fuga di una decina di migranti ospiti nel cas di Casotto a Pedemonte. Nel video si intravede una parte del gruppetto che è stato visto uscire dalla struttura di Casotto per dirigersi verso la vicina strada provinciale in direzione Arsiero. A margine di quanto accaduto stanotte alcune domande sorgono spontanee.Per quale motivo una decina di sedicenti profughi ha abbandonato il Cas?. E' vero o non è vero che i richiedenti asilo hanno un orario serale dopo il quale non possono uscire dalla struttura e che all'interno del cas (centro di accoglienza straordinaria) dovrebbe esserci del personale di sorveglianza sempre presente?.Durante la notte le sentinelle del comitato hanno avvistato il gruppo di giovani africani bivaccare ad Arsiero, presumibilmente si sono fermati per recuperare un pò di energie, poi però hanno fatto perdere le proprie tracce. Dove erano diretti questi giovani africani allo sbando, lasciati con ogni evidenza in balia di se stessi? +++ #PrimaNoi #stopimmigrazione #migranti #bastafalsiprofughi #immigrazione #accoglienza

Posted by PrimaNoi on Sunday, July 30, 2017


A margine di quanto accaduto stanotte alcune domande sorgono spontanee.
Perché una decina di sedicenti profughi ha abbandonato il Cas?. E’ vero o non è vero che i richiedenti asilo hanno un orario serale dopo il quale non possono uscire dalla struttura e che all’interno del Cas dovrebbe esserci del personale di sorveglianza sempre presente?

Durante la notte le sentinelle del comitato hanno avvistato il gruppo di giovani africani bivaccare ad Arsiero, presumibilmente si sono fermati per recuperare un pò di energie, poi però hanno fatto perdere le proprie tracce. Dove erano diretti questi giovani africani allo sbando, lasciati con ogni evidenza in balia di se stessi?.

A causa del centro d’accoglienza, negli ultimi mesi ci sono arrivate numerose segnalazioni da parte di residenti preoccupati per dei disagi conseguenziali alla presenza dei richiedenti asilo. Il 2017 si è aperto con le proteste inscenate dai “profughi” che lamentavano un trattamento insufficiente, qualche giorno dopo è arrivato l’incendio del materasso che ha rischiato di bruciare l’edificio dove alloggiano, mentre due settimane fa è scoppiata una rissa tra fazioni di africani le cui conseguenze sono tutt’oggi sconosciute.

Seppur sotto traccia, continua a serpeggiare del disagio tra gli abitanti della vallata che si ritrovano quotidianamente dei gruppi di immigranti a bighellonare per le vie delle frazioni che da Casotto portano a San Pietro.

VERIFICA LA NOTIZIA
Qualcuno tra gli accoglienti e tra i gestori del Cas dirà che non fanno nulla di male ma se te li ritrovi dentro casa senza averli invitati (chiedendo soldi), o ti accerchiano molestandoti perché sei una donna che sta camminando da sola o è a passeggio con proprio figlio, è evidente che le preoccupazioni di chi fino ad ora ha convissuto più per indifferenza che pacificamente con queste persone non è allarmismo, ma trova dei riscontri concreti. Dobbiamo aspettare che accada qualcosa di davvero grave per intervenire?. Vogliamo aspettare che accada quel che succede ogni giorno a Vicenza?. No!. Come è successo questa notte teniamo monitorata la situazione grazie alle sentinelle attive in vallata, pronti quindi ad agire appena la situazione lo dovesse richiedere.



Lascia un commento