RIVOLTA DILAGA, CITTADINI INCENDIANO CENTRO PROFUGHI: DISTRUTTO DA FIAMME



Non è ancora stato aperto che già un incendio lo ha distrutto: il Centro di accoglienza straordinario (Cas) di Forlì gestito dalla famigerata Croce Rossa è andato a fuoco questa mattina. Tutto è bene, quel che non inizia bene.

Le fiamme hanno divorato buona parte della struttura che si trova in via Ca’ Mattioli, nell’area alle spalle del centro commerciale Punta di Ferro. In quel momento dentro il centro si trovava solo un cliente africano che si è salvato per miracolo. Sull’episodio indaga la procura di Forlì.

Da una prima ricostruzione sembrava trattarsi di un incidente, di legname accastato fuori dalla dependance della casa che aveva preso fuoco accidentalmente. In realtà, i vigili del fuoco intervenuti sul posto per spegnere le fiamme, hanno individuato un innesco. La notizia dell’apertura del Centro era stata accolta “non troppo bene” dagli abitanti della zona.

VERIFICA LA NOTIZIA
Questo è il risultato, quando il piano di colonizzazione predisposto dal governo incontra la reazione popolare. Qualcuno protesta, qualcuno raccoglie firme e, qualcun altro distrugge il centro che avrebbe fatto guadagnare alla ormai ex Croce Ro$$a tanti bei soldini dei contribuenti.

Ovviamente, Vox vi invita a ‘non’ incendiare i centri che ospitano i cosiddetti richiedenti asilo.



Lascia un commento