Affitta casa ai profughi, cittadini gli vandalizzano auto



Si dà al lucroso business dei sedicenti profughi affittando un appartamento di sua proprietà ad una cooperativa impegnata nel campo della sostituzione etnica e subisce l’ovvia ritorsione, dice lui, dei condomini, che non accettavano l’arrivo, a casa loro, di persone sconosciute dall’altra parte del mondo. Clandestini.

Prima ha protestato perché le telecamere installate senza il suo assenso sarebbero state “invasive della privacy dei migranti”: lasciateli spacciare in pace, razzisti!.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ma i condomini, esasperati per il suo tradimento, sono passati a ritorsioni : automobili rigate e sfregi anche alla porta d’ingresso. Per questo motivo il 40enne affarista, tal Domenico Mauri, che fino a poco tempo fa viveva a Fogliano, frazione di Reggio Emilia, ha deciso di sporgere denuncia contro ignoti in questura. Auguri.

Ovviamente, l’affarista, che lavora in provincia di Parma e qui ha preso in affitto un appartamento, non vive dove accoglie i sedicenti profughi. Lì ci vivono gli altri condomini.

Noi consigliamo i condomini di denunciare sia l’affarista che li accusa, e soprattutto i giornali che non comprendendo il termine ‘ignoti’ fanno titoli di questo tipo:

http://archive.is/K3M9z



Lascia un commento