LE CASETTE DEI TERREMOTATI FINISCONO AI PROFUGHI, BUFERA SU CROCE ROSSA E GOVERNO

Condividi!

Casette Ikea e campeggi green: l’ultima frontiera dell’accoglienza. L’idea è venuta alla Croce rossa per ospitare il numero crescente di migranti che stazionano negli hub della penisola, ossia nei centri di accoglienza temporanei, e ovviare alla penuria di spazi idonei.

Qualche mese fa infatti a Lavagna, in provincia di Genova, l’amministrazione non aveva escluso l’impiego di moduli abitativi per garantire agli immigrati un soggiorno dignitoso. Così a Pontedera dove la prefettura cercava terreni adatti a sistemare casette prefabbricate per l’accoglienza. Così a Pisa e a Novara. La soluzione ora è alla portata di tutti e la Croce Rossa l’ha già testata. «Per due mesi in primavera nel centro di accoglienza di Settimo Torinese, a Lecce, a Bresso, a Roma e a Lampedusa abbiamo verificato l’unicità di questo progetto della Better Shelter di Stoccolma che è stato possibile grazie a un finanziamento della Fondazione Ikea ha spiegato Ignazio Schintu, responsabile nazionale della logistica di Cri – Vengono già usati dall’Unhcr con successo. Anche noi riteniamo che l’accoglienza non si debba fare nelle tende».

Terremotati: consegnate 344 casette su 3.772 perché servono ai profughi

Si tratta di moduli abitativi di 17 metri quadri ciascuno, facili e veloci da allestire, a basso impatto ambientale qualora debbano essere smaltiti, da predisporre adeguatamente per realizzare dei veri e propri camping con moduli separati di bagni e docce. Ogni shelter, così li chiamano, verrà dotato anche di una pompa di calore e al contempo per abbattere i costi energetici la Cri sta anche pensando di montare sopra al tetto di ogni modulo opportuni pannelli solari. La spesa è di mille euro a casetta, più 250 euro per la pompa di calore. Quindi per i 350 moduli, quelli che la Cri intende acquistare, si arriva 437.500 euro più Iva ovviamente. La maggior parte di questi prenotati e predestinati: 100 a Settimo Torinese, 50 a Bresso, 50 a Lecce, altri 50 a Roma da piazzare alla Tendopoli Portuense e 100 in magazzino per eventuali emergenze.

CASETTE PER TERREMOTATI USATE PER OSPITARE I PROFUGHI

VERIFICA LA NOTIZIA
Peccato che per dare una risposta pronta e dignitosa alle migliaia di terremotati del centro Italia che hanno passato l’inverno nei container, accampati nelle tendopoli e sradicati negli hotel della costa adriatica questa stessa sensibilità e quest’attenzione, da parte dei diretti responsabili non ci sia stata e continui a non esserci. Non ci ha pensato il commissario alla ricostruzione Vasco Errani e non ci ha pensato il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio.

Le casette dei terremotati sono finite ai profughi – VIDEO CHOC

Per Schintu «è la burocrazia molto spesso a frenare gli interventi. Burocrazia che deve essere ridotta. Invece in Italia si lavora in emergenza e sempre facendo norme post evento». Altra è la posizione di Sergio Pirozzi, il sindaco di Amatrice, uno dei comuni del Lazio più colpiti dal sisma di un anno fa, che taglia corto sulle modalità di aiuto: «Chi ha deciso come affrontare l’emergenza abitativa del terremoto è gente che non ha vissuto nel dolore. I cittadini che hanno vissuto un anno in hotel senza intimità, parlando sempre delle stesse cose e, parecchi, senza avere avuto ancora una nuova possibilità lavorativa e quindi la possibilità di reintegrarsi socialmente, rimarranno terremotati a vita. Il rischio nel prossimo futuro sarà l’assistenza sanitaria di cui necessiteranno anche per via di stati di profonda depressione. Invece di spendere 3mila euro al mese per pagare l’hotel il governo avrebbe dovuto dare un bonus di 1.500 euro a ciascuna famiglia, risparmiando peraltro, con la possibilità di affittare una casetta per il tempo necessario alla ricostruzione». E pensando all’oggi Pirozzi chiude dicendo: «Piuttosto qualcosa ancora si potrebbe fare. Un provvedimento di sgravio fiscale pluriennale alle aziende che assumeranno i terremotati del nostro centro Italia».

A oggi tuttavia già si è certi che tra il 20 e il 30 per cento degli amatriciani a un anno dal terremoto ancora non avrà la propria casetta provvisoria. Né di Ikea, né di cartone.

Siamo lieti che dopo Vox anche ilGiornale si sia accorto che le casette dei terremotati vengono, invece, dirottate ai clandestini. Non è mai troppo tardi.

I casi, come potete verificare dai nostri articoli, sono molti più di quelli elencati dal Giornale.




Lascia un commento